Napoletana (serenata a dispetto)

www.lellovoce.it 15 dicembre 2012 02. Piccola cucina cannibale
Napoletana (serenata a dispetto)

PICCOLA CUCINA CANNIBALE di LELLO VOCE, FRANK NEMOLA E CLAUDIO CALIA HA VINTO IL PREMIO NAPOLI 2012 [Ibridi Letterari]
In attesa di pubblicare le Motivazioni, ripropongo qua, con l’aggiunta dell’audio, il brano pi partenopeo della raccolta, con la voce di Maria Pia De Vito, la chitarra di Stefano La Via, l’elettronica di Canio Loguercio e Frank Nemola, il pianoforte di Rocco De Rosa

Testi – Lello Voce
Musiche – Rocco De Rosa e Canio Loguercio
Arrangiamenti – Frank Nemola

Lello Voce – spoken word
Maria Pia de Vito – voce
Rocco De Rosa – tastiere
Stefano La Via – chitarra
Canio Loguercio – elettronica
Frank Nemola – elettronica

Mixed at GreenValley Studios, Bologna - novembre 2010

PER ASCOLTARE NAPOLETANA CLICCA QUI

Napoletana
(Serenata a dispetto)

-gli amori diceva conviene ucciderli quando sono piccoli, come si fa con i bambini
e mentre lo diceva mostrava le sue strade, i palazzi i tombini spalancati sul suo
eccesso sul profilo stesso della sua bocca aperta come mano o cono di un vulcano
-gli amori diceva conviene farli nascere all’incrocio del tempo nello stesso momento
in cui la lava cerca lo sbocco in cui il tocco della mano lungo il polso o la coscia
in cui il Re di tutto il Creato e il suo corteo percorrono il suo corpo le sue vie spalancano
le sue labbra e le sue finestre

pecch st’ ammore sciorte e’ seccia / na disgrazia, na buca che e’ cosce corte
st’ammore lastra ‘e preta e sape ‘e lemmone / nu scunciglio ‘e core ‘e cuniglio
st’ammore tuosseco ‘e nfamit / e si te lassa – tien’ ‘a mmente -
‘o ffa scuntrusamente

-gli amori diceva sono come un banchetto come in due sul letto aspettando il futuro ignorando
ogni muro cercando i vicoli d’ogni sentimento il vincolo il senso che sente che fiuta il mare
anche quando l’acqua non c’ pi ma resta il sale la macchia d’orgasmo la traccia di ghiaccio
-gli amori diceva sono come una folla come una lama a molla che scatta alle spalle come un
dado o un tradimento accadono senza un lamento fatti d’assenza che ogni amore latitanza
di torto e ragione d’ogni sorte la fuga d’ogni morte l’odore del mare che bagna la citt la
sua met di miseria e piet

pecch st’ ammore sciorte e’ seccia / na disgrazia, na buca che e’ cosce corte
st’ammore na lastra ‘e preta e sape ‘e lemmone / nu scunciglio ‘e core ‘e cuniglio
st’ammore tuosseco ‘e serpente / e si te lassa – tien’ ‘a mmente
‘o ffa maliziusamente

-gli amori diceva occorre che siano elastici come il metallo rigidi come le nuvole alte in stallo che
del coltello si veda la ferita e non la lama affilata di parole che la crosta della mancanza la gogna
senza vergogna si sciolga tra il vulcano e il mare che lava e monda di lapilli gli strilli dei figli
-gli amori diceva occorre che siano fluidi come lava indurita come ginestre alle finestre come
l’acqua nel mentre gi vapore come le antiche scie di sangue tra vicolo e vicolo come lo scolo
di sentimenti incroci vita che schiamazza come la piazza e le sue caverne le acrobazie delle stelle
le rivoluzioni le tarantelle

pecch st’ ammore sciorte e’ seccia / na disgrazia, na buca che e’ cosce corte
st’ammore na lastra ‘e preta e sape ‘e lemmone / nu scunciglio ‘e core ‘e cuniglio
st’ammore tuosseco ‘e cazzimma / e si te lassa – tien’ ‘a mmente
‘o ffa distrattamente

-gli amori diceva vanno cotti a fuoco lento fino a che ogni ritegno sia spento fino a che sia
certo che non mento che tu percorra le scale che scendono al mare che tutte le lacrime blu le
lacrime amare sappiano di sale perch chi si bagna nell’acqua d’amare pi a galla non risale
-gli amori diceva vanno fritti come vendette lentamente a labbra strette assaporati bevendo acqua
salata inseguiti e tagliati a pezzi come l’anguilla e poi crolleranno i palazzi e le loro spericolate
scalinate sospese nell’aria crolleranno le forche le farine le feste resteranno solo eserciti di madri
meste pezzi di teste

pecch st’ ammore sciorte e’ seccia / na disgrazia, na buca che e’ cosce corte
st’ammore na lastra ‘e preta e sape ‘e lemmone / nu scunciglio ‘e core ‘e cuniglio
st’ammore tuosseco fatte ‘e niente / e si te lassa – tien’ ‘a mmente
‘o ffa svugliatamente

-gli amori diceva sembrano ormai amanti che pendono appesi alla corda d’oro del loro stupore
sembrano le ore e tutto il tempo che fabbrica e sfabbrica questo luogo questo buco questo cono
sembrano capricci di vulcano e fame eterna di carne di pane vino e lievito aspro di mammane
-gli amori diceva sembrano ormai un maggio sfiorito torrido quanto l’inverno ferite allo sterno
sembrano avanzi masticati di camorre e morre gengive vuote come orbite cieche pianeti nani
sembrano nebbia resti spelta dopo la trebbia vocali mute utopie lasciate per la via sembrano
gesti senza mano

pecch st’ ammore sciorte e’ seccia / na disgrazia, na buca che e’ cosce corte
st’ammore na lastra ‘e preta e sape ‘e lemmone / nu scunciglio ‘e core ‘e cuniglio
st’ammore tuosseco fatte pe’ tramente / e si te lassa – tien’ ‘a mmente
‘o ffa scustumatamente

-gli amori diceva sono come pidocchi come resti di sentimenti pagati a scrocco sono tutti tocchi
vanno schiacciati tra le unghie di ci che pi conviene avvelenano le vene rovinano la pelle con
la luce di tutte quelle stelle sono l’utopia travestita da malattia sono Pulcinella di quanto sei bella
-gli amori diceva sono come cicche schiacciate sotto il tacco sono occasioni perdute appena colte
sono svolte spericolate sono alfabeti per analfabeti sono bussole per non tornare sono migrazioni
fino a casa quando la casa non c’ pi il respiro degli esausti colpe senza attenuanti letti senza
amanti arie senza venti

pecch st’ ammore sciorte e’ seccia / na disgrazia, na buca che e’ cosce corte
st’ammore na lastra ‘e preta e sape ‘e lemmone / nu scunciglio ‘e core ‘e cuniglio
st’ammore tuosseco e’ sentimente / e si te lassa – tien’ ‘a mmente
‘o ffa appassiunatamente

Altro in Piccola cucina cannibale

3 Messaggi del forum

  • Napoletana (serenata a dispetto) 25 gennaio 2011 16:32, di Anna Maria

    I miei complimenti!Pegno pagato, con adesione ed entusiasmo

  • Napoletana (serenata a dispetto) 13 gennaio 2011 09:59, di in soffitta

    Buongiorno Poeta :-) ..
    ti do del tu perch piu o meno dobbiamo avere gli stessi anni, ma anche perch ricordo con piacere i tuoi sonetti.
    Ti dico subito che rileggendoli a distanza , soprattutto uno dei dodici che mi fece incazzata e felice , non era e non sar mai per niente vero lo stacco fra il poeta e chi lo ascolta . Se non fosse per la "musica" ( nel senso pi ampio da intendersi, quindi anche quella letterata) , ci avrebbero completamente alienato ( infatti massificando con molti moltissimi, ci sono riusciti) o costretti ad occuparci solo dell’animale po...politico.Anzi meglio costretti nei problemi che l’animale politico deputato alle soluzioni , accartoccia per le sue propagande,ergo corruzioni.
    Non sono cos sottile da sapere quanto corrotto il poeta : fra me e i poeti che scelgo, non ce n’ mai stato uno corrotto nelle sue grandi virt(che mi aiutano a vivere)
    Comunque non voglio perdermi in chiacchiere perch ti farei lettera fino al 2222 come minimo,andiamo al punto. Nella rete , da poco, mi sono avventurata anch’io. Nel mio cazzeggiamento ovviamente non paragonabile minimamente ai Poeti come te o questo tuo sito che arrcchisce dentro tantissimo.
    Il mio solo un diario di una ragazzina, prevalentemente di pezzi altrui di valore come te. In pratica ho aperto un blog con tratti di voi poeti e mi sei ritornato in mente anche tu .Ho quindi proposto quattro serate con te( anche perch come dice il mio amico Roby che ho appena letto, sarebbe bellissimo vederti live). Mi sono quindi permessa , spero non ti incazzi, di rubarti per un attimo.Immaginando che un’isoletta nell’oceano , potesse accoglierti , ho proposto appunto quei sonetti, o pseudo, come li chiamasti tu . Non so se ti sei accorto di qualche battito diverso ierisera. Se si, stato perch forse un pezzo di te venuto a dissetarsi, anzi dissentarci. Non credere che siamo tanti per , io e al massimo quattro dei miei amici, banalissimi come me,che di giorno sbarcano il lunario onestamente, ma non vogliono dimenticarsi l’homo poeticus in loro, a cui danno "voce" tutti quelli come te .
    Volevo dirti anche altre due cose, che il tuo sito bellissimo come un oceano, cos pure i video che spero alimenteranno e alimentarai ancora e ancora. Non sicuramente come assistere a una serata di poesia con te , ma almeno meglio che niente .

    Ultima cosa: se quanto sopra non ti ha troppo tolto tempo o fatto incazzare: hai qualche suggerimento gradimento per la prossima colonna ( sonora) da mettere sotto, per la lettura dei tuoi prossimi tre o a tre x tre? perche stasera come leggerai , ripassi ancora :-),non vorrei mai che, al contrario non bisognasse mettere alcuna musica, cosa che mi sa tanto forse per i prossimi tre dovrei proprio rendere assente. tu che ne dici? ( per l’impaginazione non ti incazzare troppo perch non sono ancora esperta di editing del web)
    buonagiornata a te e a tutti!

    http://in1specchioin1enigma.blogspot.com

  • Napoletana (serenata a dispetto) 14 agosto 2010 17:27, di chicca

    sei assolutamente fantastico, di sto divulgando.... ciao fratellino

Altro in Poesia