ModernitÓ e Novecento

23 novembre 2003 Letteratura e arti
ModernitÓ e Novecento

Ho trovato estremamente interessante l’intervento di Giovanni Raboni sul Corriere del 17 gennaio, dedicato ai rapporti tra ModernitÓ e Novecento ed almeno altrettanto la risposta di Cesare De Michelis, che, sempre sulle colonne del quotidiano milanese, ne confuta radicalmente le tesi. Il nocciolo dell’intervento di Raboni stava nell’individuazione delle radici della ModernitÓ, non, come si usa fare, nel secolo appena trascorso, ma - con capovolgimento radicale dell’opinione corrente - nell’Ottocento, cui essa apparterebbe integralmente. De Michelis, per parte sua, gli fa colpa di voler salvare la ModernitÓ, separandola dall’orrore novecentesco, tomba di ogni umanesimo, che invero ancora non si chiude, poichÚ delle conseguenze di quella ModernitÓ noi siamo ancora vittime.
Ora io non vorrei entrare nel merito di un dibattito che - non se abbiano a male gli autorevoli disputanti - rischia di essere un po’ malfermo sin dalle sue premesse e almeno fino a quando non ci metteremo d’accordo per davvero, ad esempio, su cosa significhi Ottocento - visto che certo esso, mi si passi la metafora un po’ rozza, non inizia nel 1801 e non termina nel 1899 - o su cosa sia la ModernitÓ - che certo niente ha a che fare col modernismo e qualcosa in comune invece ce l’ha con l’ottocentesco, progressivo, ma anti-progressista, Leopardi. E nemmeno mi sogno di provare a sbrogliare lo gliommero del rapporto tra mutamenti strutturali e ideologie, o culture, o, peggio ancora, poetiche, a seguire il cui filo finiremmo per domandarci se questa ModernitÓ, di cui discutiamo, Ŕ categoria artistico-letteraria, o invece pi¨ generalmente culturale, o addirittura - Dio ce ne scampi! - storico-economica.
Piuttosto mi interessa qui rilevare un aspetto - magari laterale - della questione. Posto che lo smascheramento, direi ’stoico’, di De Michelis mi convince pi¨ della proposta di Raboni, ci˛ che mi colpisce Ŕ che il nocciolo (e l’importanza) della tesi di Raboni Ŕ forse anche altro: la ricerca di una nuova identitÓ per il post-moderno, insomma per la contemporaneitÓ nostra, che si risolve in un rispecchiamento ottocentesco che mette tra parentesi le Avanguardie e riscopre il progressista, ma liricissimo Romanticismo… L’io - vecchio asparagone gaddiano - che con un acrobatico salto mortale supera indenne il baratro novecentesco e ci torna in grembo, pi¨ nuovo e ’moderno’ che mai… Il problema, insomma, non mi sembra tanto - e non appaia troppo prosaico - che il Novecento sia o non sia źla negazione o la parodia della ModernitÓ╗, quanto evitare che il Duemila diventi la parodia di un gattopardesco - ma modernissimo - Ottocento umanista.

Altro in Letteratura e arti

Altro in Teoria e critica