Malacopia

25 settembre 2005 Racconti brevi
<i>Malacopia</i>

Che chiaro comunque che questo un compito in classe indiscreto. Xch se no bastava dire che mi chiamo Marta. E morta l. Che significa un tema che ha x traccia il mio nome? Che allora devo parlare di tutto? Che come si pu?
Che non dovrebbe interessarle affatto Prof che ho gli anni che ho che sono diciassette. Nemmeno che ho un futuro. Che poi solo lei convinto che ce l’ho. Che io ho i miei dubbi. E che certe cose x principio non le dico nemmeno in famiglia.
Che il mio futuro andare ad abitare a Roma. Io lingue non so parlarne e cos niente Parigi o Londra. Che a Roma la gente amichevole si pu vivere di tante cose e si fanno + gli affari loro che qui a 3viso. Che a 3viso non come a Roma. Che qua c’ un ambiente un po’cos. Tutta gente che ti guarda male. Le solite storie. Che l’idea sarebbe questa: intanto andare l allo sbaraglio. Sistemarmi e poi l’universit. Che poi sarebbe una facolt di arti e spettacolo. Che io da grande una volta pensavo di fare la critica d’arte x forse bisogna studiare troppo parlare troppo con le xsone. Che sono tutte cose che adesso non ho molta voglia di fare. Che bisogna avere una base non indifferente che io non avr voglia d’avere. Xch io forse sto cambiando idea.
Che io x i soldi non farei niente xch alla fine. Che invece x un lavoro che mi piacesse sarei disponibile a farmi il culo. Che invece x l’uomo giusto sarei disponibile a fare tutto. Tranne rinunciare al mio lavoro. Che di uno cos che vuole che rinuncio al mio lavoro sono sicura che non mi innamoro. Che invece x il mio uomo ho fatto a botte anche con mio fratello. Che lui era un artista di strada. Che a me piacciono se hanno una xsonalit. Che magari stupido ma ha una xsonalit. Che l’amore se c’ bene se no si fa senza. Che certo non uguale. Che certo non lo puoi cercare. Che se lo cerchi non lo trovi. Che ti deve cadere dal cielo l’amore. Cos per dire. Che attualmente vedo le mie due puttane che stanno allo scientifico. Che le mie due puttane sono le mie due migliori amiche. Che mi pare un arricchimento normale farlo tra ragazze. Che non come con voi maschi che siete uomini. Che certo potremmo spiegarvi come si fa. Che pu anche essere bello. Che certo la prima volta la + bella. Che dopo meglio certo.
Che poi c’ il lavoro. Che importante x mangiare. Che bisognerebbe che ognuno riuscisse a fare quello che vuole. Che altrimenti solo una cosa di lucro. Che non so se sar una schiava o una padrona. Che certamente non sar un’impiegata. Che per certi periodi sono anche disponibile a fare la sguattera. Che quello che faccio anche adesso. Che c’ bisogno anche di nettar cessi. Che x non so cosa vorrei fare. Che x quando lo si trova che si capisce che quello giusto lo si fa con passione. Che lo si fa fino in fondo. Che ho sempre bisogno di soldi. Che lavoro. Che prima movimentavo un po’ di fumo. Che ho smesso.Che adesso lavoro quando trovo.
Che nel mio futuro comunque c’ la guerra. Che scoppier tutto prima o poi. Che anche io morir come tutta la gente di questo pianeta. Che se prima non sar mia madre allora sar un’esplosione atomica o qualcosa del genere. Un’atomica no xch ormai superata. X un qualche tipo di bomba nuova che inventeranno. O mi uccider il non trovare lavoro e non aver fatto nulla della mia vita e allora morir tristemente.
Che poi meglio morire a Roma che a 3viso. Xch Roma un bel posto. O qua in questa scuola. Che un Liceo Artistico. Che proprio un bel posto. Che ha un bel giardino e un certo rapporto con gli insegnanti e con gli altri allievi. Che sono belle le cose che si fanno. Che x esempio anche la nuova Prof di Storia dell’Arte bella. Che quella dell’anno scorso certo aveva le palle. Che x la nuova ci parla del presente. Che poi sar quello che dovremo fare domani. Che alla fine ti fa capire che l’arte una cosa troppo importante e tu 6 qui x farla. X farla x le altre xsone. Una cosa cos. Che ce ne sono altri invece che 6 sfortunata ad averli. Che sembra proprio non capiscano. Che i Prof sono principalmente strumenti. Che non sono xsone. Tranne alcuni. Che sono a un livello superiore. Che sono xsone. Che gli altri si meritano solo parole. Che x alcuni ho un odio particolare. Che dovrebbero cambiare mestiere. Che tu vai e gli dici - Guardi Prof ho fatto un lavoro strafigo di qua di l glielo spieghi e lui come se gli dicessi che il cielo viola a pois e ti dice che non va bene che devi fare le cose dentro i contorni. Che a me non piace fare le cose dentro i contorni.
Che x esempio io ho deciso di fare una cosa enorme fuori dai contorni. E la sto facendo un po’ alla volta. Che io devo fare tanti disegni e attaccarli in giro x il mondo e fotografarli.
Che poi io sono sempre fuori dai contorni lei lo sa Prof. Che faccio anche il bagno alle Cave. Che fuori dai contorni. Le cave di argilla. Che caldissimo molliccio fuori dai contorni. Che io nella pozza d’argilla sono fuori dai contorni. Che alla fine prendere confidenza con le xsone fuori dai contorni che lo faccio con tutti e mi dicono che potrei passare un guaio che vero ma che comunque bello cos alla fine. Che mi viene naturale cos. Come disegnare o rompere le palle che una cosa bellissima giocare o leggere che mi veniva naturale una volta ma adesso.
Che mi viene naturale anche fumare e bere. O farmi le canne. Che non fondamentale. Che x un modo diverso di guardare le cose. Che cambia la tua xcezione che se no che palle vederle sempre uguali. Che poi a me non prende mai male. Che al massimo inizio a ragionare in modo paranoico. Che poi invece ne capitano di bellissime. Tipo che se esci con una compagnia di 10 xsone finisce sempre che o stai ad ascoltare e basta oppure parli solo con 2 o 3 di loro. Che quella volta invece no. Che eravamo 10 e avevamo tirato gi la nostra ganja e stavamo insieme proprio in 10. Che eravamo tutti e 10. Insieme. Che era una cosa grande. O come con l’acido. Sul Piave. Con le fiamme del fal che si contorcevano come bisce. Che allora ho raggiunto la consapevolezza di molte cose. Che non come le paste. Che le paste sono una merda. Che servono solo ad andare in disco. Che se sopravvivi dai 14 ai 16 anni 6 a posto secondo me. Che a quell’et che si comincia a mangiare. Che mangiare le paste serve solo ad andare in giro digrignando i denti. Che a parte che a me mi venuta una voglia di scopare che mi sarei trombata un albero. Che oltre a questo niente. Che anzi quella volta mi sono anche abbastanza rotta le scatole. Che x certe cose con i miei coetanei un po’ siamo simili e un po’ no.
Che i miei coetanei si dividono in 3 gruppi. Che ci sono quelli che stanno ancora a livelli da marciapiedi. Dico i discorsi che fanno. Che ci sono quelli che stanno sul muretto che sono normali. Che sono tranquilli. Che fumano e bevono. E quelli che stanno contro il muro. Che stanno rovinati. Che hanno nevrosi. Cose. Storie. Che io sto + o meno sul muretto. Che + o meno tendo anche al rovinato.
Che mi sarebbe piaciuto avere quest’et una quindicina di anni fa o anche prima. Che prima eravate molto + liberi in tante cose. Che tutta colpa vostra. Alla fine. Se tornato indietro. Che certo non colpa mia. Che la colpa di tutte quelle xsone che vanno dai 40 ai 60 anni che alla fine hanno fatto il 77 e il 68. Che sono andati a finire tutti chi sa dove. Che hanno la colpa di aver venduto il culo. Che hanno anche un po’ la colpa di essere stati sconfitti.
Che Dio non c’. Che non c’ quello cristiano. Che Dio nell’aria attraverso le xsone la natura le cose che succedono.
Che la famiglia serve. Che la famiglia serve a dare un’educazione. Un’impronta. Che i primi duecento metri della strada te li batte la famiglia. Che lo so che voi volevate vivere senza padri e senza madri. Che secondo voi la famiglia era repressiva. Che certamente la famiglia reprime. Che x ti d quell’idea iniziale di giusto o sbagliato che tu poi evolvi col tuo pensare. Che se non c’ la famiglia allora deve esserci comunque una struttura.
Che tra la mia anima e il corpo scelgo l’anima. Che si vede quanta cura ho del mio corpo. Che la mia anima e il mio corpo non hanno rapporti che la mia anima sta fuori dal mio corpo e il mio corpo si trova male. Che come svuotato troppo leggero. Che bisognerebbe fossero la stessa cosa. Che lo so che lei Prof ora vuole sapere xch non sono la stessa cosa. Che se lo sapessi Prof non starei come sto. Che starei dentro al mio corpo. Che ho provato ad iniziare dal corpo. Che non va. Che forse meglio la meditazione. Che poi secondo me era anche riuscito. Che x tutti mi dicevano che era sbagliato. Che allora ho smesso. Che mi tagliavo con la lametta. Sulle braccia sulle gambe. Che era un modo x. Che avevo 12 anni. Che durato 5 anni. Che alla fine ognuno trova il suo modo di superare le cose. Che erano tante. Che quando 6 in adolescenza precoce sono tutti molti depressi. Lo sa Prof serviva x catalizzare. Che c’ quello che scrive. Che c’ chi si sposa. Che io invece mi tagliavo.
Che dico anche di lei Prof. Che per catalizzare divaga sempre in concetti eterei e cazziatoni sociali. Che certo fanno bene. Che magari non vai avanti in Italiano ma vai avanti sul livello mentale. Che voglio dirglielo Prof che la cosa + bella che ha fatto stato quando volevano vendere ai privati questa scuola e lei ci ha detto ma siete svegli vi stanno derubando!! Che quella romanzina l stata molto bella. Che a volte nella vita importante che qualcuno ti faccia delle cazziate. Se lo fa xch importante.
Che domani poi chiss che mi succede. Che dipende da come mi sveglio. Che domani chiss che succede al mondo. Che dipende da come si sveglia. Che forse x sta andando tutto a puttane. Che dimenticavo di dirle Prof: x favore non mi bocci.

Nota: Marta, la ’voce narrante’ di questo breve racconto, esiste davvero (anche se ovviamente non si chiama affatto Marta) ed una delle mie migliori allieve nel Liceo trevigiano dove insegno. Voglio qui ringraziarla della generosit e della sincerit con cui ha risposto alle decine di domande dell’intervista che il background da cui ho tratto questo testo. Da lei e da tutti i suoi splendidi compagni e compagne di classe ho imparato molto in questi anni. Senza di loro sarei pi povero, pi vecchio e pi triste.
Ho ritenuto interessante integrare nel testo alcune caratteristiche di una vera ’brutta copia’, come quelle che mensilmente arrivano sulla mia scrivania: dalle cancellature, all’andamento paratattico del periodare, all’assoluta parsimonia di diacritici, sino alla serie di simboli matematici del particolare ’short writing’ che utilizzano i nostri adolescenti, in cui
3 sta per tre ( dunque 3viso Treviso), x vale per ( quindi xci si legge perci), + pi e cos via.
Inutile dire che sullo sfondo’ formale’ di questo mio racconto sta la prosa-poesia indimenticabile di Eros Alesi e del suo ’Mamma morfina’ che ha dolorosamente accompagnato la mia adolescenza.

Altro in Racconti brevi

Altro in Romanzi