[Delicatessen 81] Intercettazioni reali, fascisti veri

Quotidiani E-Polis - Ed. Nazionale, 2006 14 ottobre 2006 Politica e movimenti
[Delicatessen 81] Intercettazioni reali, fascisti veri

Io temo che i politici, quelli dell’opposizione, ma anche certuni tra quelli della maggioranza, a proposito di questa storia delle intercettazioni telefoniche sabaude e un po’ ex-fasciste abbiano divorziato dal senso comune. Il quale senso comune, pur facendo lo sforzo di comprendere che anche a mafiosi, disonesti, corruttori, furbetti sia necessario garantire una certa privacy, non riesce proprio a scandalizzarsi per la pubblicazione di certe telefonate. Piuttosto Ŕ portato a scandalizzarsi dei contenuti di quelle telefonate, che, quando non riguardano veri e propri reati, alcuni particolarmente odiosi, come la concussione sessuale, lo sfruttamento della prostituzione, la truffa ai danni del Terzo mondo, sono certamente utili a comprendere sino in fondo certe personalitÓ. Come quelle del supposto pretendente al trono d’Italia, tessera P2 in tasca, inquisito per traffico d’armi e coinvolto nell’assassinio di Hammer; uno che piaceva tanto poco al proprio padre che costui fece in modo di far rinchiudere nella sua bara le insegne reali proprio per evitare che andassero tra le mani di tanto figliolo. Dentro c’Ŕ di tutto, dalla ricerca continua di prostitute per sÚ, all’organizzazione di hot team per i clienti del Casin˛ di Campione, alla corruzione. Da un certo punto di vista, averlo riaccolto Ŕ stata una vera fortuna per la Giustizia italiana. Fini, poi, invece di disgustarsi per la pubblicazione di certe intercettazioni del suo portavoce, farebbe bene a chiedergli perchÚ se ne andasse in giro utilizzando il suo potere per portarsi a letto una starlette dopo l’altra. O no?

Altro in Politica e movimenti

Altro in Teoria e critica